Worldwide shipping! | Free shipping within Germany for orders over 100 € | All payment methods at Etsy ⇗ and Amazon ⇗ | Visit us on Instagram ⇗ and watch our new production video ⇗ 🙂 | Save 15% on three GANJAR S or F and get a XS with the code: GROW15 | Subscribe to our newsletter ⇗ and get a 10% welcome voucher!

Sviluppo del rapporto CBD / THC nella cannabis

Negli anni ’70 Secondo le cifre ufficiali , il contenuto di THC negli Stati Uniti era in media del 3-4%. All’epoca, tuttavia, venivano analizzati molti meno campioni e la procedura non era ancora particolarmente matura. Spesso venivano prelevati campioni che avevano già un anno o più e che presumibilmente non erano stati conservati in modo ottimale. Pertanto, è possibile che all’epoca fossero in circolazione oggetti più forti.

rapporto thc-cbd-come-progressione grafica

Oggi, più di 1.000 campioni di cannabis all’anno vengono analizzati dal National Institute of Drug Abuse (NIDA) nell’ambito del Potency Monitoring Program. La maggior parte delle persone è certamente consapevole che la cannabis è diventata sempre più forte nel corso degli anni. All’inizio degli anni 2010, l'”erba di strada” negli Stati Uniti ha già un contenuto di THC superiore al 10%. Tuttavia, l’aumento del THC non è dovuto solo alle ondate di legalizzazione in molti paesi. Dall’inizio degli anni 2000, le tecniche di coltivazione e le attrezzature sono diventate più avanzate e professionali.

Nel frattempo, la cannabis non viene più utilizzata come intossicante puro, Anche le varietà che non contengono (quasi) THC psicoattivo, ma solo il CBD, che ha un effetto calmante, stanno diventando sempre più popolari. Ma prima che il THC fosse eliminato professionalmente dai fiori, prima della legalizzazione c’erano la tendenza a coltivare erba con un contenuto inferiore di CBD.

Meno CBD per strada, più CBD per il paziente

Anche prima dell’ondata di legalizzazione degli ultimi anni, le varietà con un basso contenuto di CBD e un più alto contenuto di THC venivano Le varietà con un contenuto inferiore di CBD e superiore di THC sono state sempre più selezionate, poiché la maggior parte delle persone era (erroneamente) più interessata all’effetto psichedelico che a quello sedativo e fisico del CBD.

Eppure è ormai noto: Entrambi i componenti hanno un effetto complementare e il CBD contrasta l’effetto psicoattivo del THC, che può completare l’intossicazione. È interessante leggere la Lista Gialla di Pharmaindex, che fornisce un ottimo elenco di componenti ed effetti della cannabis in questa sottopagina.

Certamente, alla fine è una questione di gusto quale rapporto si preferisce. La tendenza degli ultimi anni mostra addirittura un leggero aumento del contenuto di CBD. Un alto contenuto di THC e un basso contenuto di CBD nella cannabis possono essere pericolosi per le persone inclini alla psicosi o alla depressione. Soprattutto nei Paesi in cui la cannabis è vietata, i consumatori non sono in grado di valutare la composizione dei fiori. Le persone psicologicamente stressate che vogliono solo “scendere” dovrebbero piuttosto consumare erba contenente CBD, ma spesso ottengono dallo spacciatore erba molto potente con un basso contenuto di CBD e un alto contenuto di THC.

Sebbene non sia ancora chiaro al 100% se il CBD “puro” sia un rimedio efficace per la psicosi e altri problemi mentali, esistono già studi che mostrano risultati promettenti. Il fatto che il CBD possa aiutare molti altri sintomi e malattie, come i disturbi del sonno, è ormai ben studiato. Un elenco di tutti gli “effetti provati” si trova anche nella Lista gialla di Pharmaindex.

CBD ad alta potenza già disponibile in molti paesi

La progressiva depenalizzazione ha permesso una crescente commercializzazione dell’uso di cannabis convenzionale e CBD. Nel frattempo si è sviluppata un’industria dal valore milionario. Attualmente (giugno 2021), il 40% degli americani vive in Stati in cui la cannabis è più o meno legale.

Naturalmente, la liberalizzazione della cannabis ha un forte impatto anche sull’industria e sul consumo di CBD. Dal 2014 le vendite di CBD sono aumentate di oltre il 1.000%. Gli oli e le creme sono in piena espansione e sempre più negozi di CBD vengono aperti in tutto il mondo. Sempre di più Grazie a questo sviluppo, i coltivatori si stanno orientando verso la coltivazione e la produzione di CBD sempre più potente.

Molti fornitori di CBD dalla Germania offrono ora fiori di CBD di alta qualità con un contenuto fino al 20%. In questo modo, riescono a mantenere i fiori al di sotto del limite legale dello 0,2% di THC. Perché non è possibile separare completamente il CBD dal THC.

I cosiddetti ” moonrocks” possono essere prodotti anche attraverso la fermentazione. I fiori di CBD appena raccolti e ancora umidi vengono conservati a umidità costante per diverse settimane. Nel processo, i componenti indesiderati vengono vaporizzati. Dopo il processo di fermentazione, queste “rocce” rimpicciolite vengono imbevute di estratto di canapa e ricoperte di polline e cristalli di CBD. Ciò consente di concentrare il CBD fino al 60%. Uno spinello al CBD può quindi avere sul consumatore un effetto altrettanto intenso (anche se non psicoattivo) dell’erba “normale”.

L’evoluzione del rapporto tra CBD e THC negli ultimi 40-50 anni mostra che c’è ancora una tendenza verso una maggiore quantità di THC. Tuttavia, la tendenza si è orientata anche verso un contenuto minore di CBD e ora è nata un’enorme industria intorno al CBD puro. I consumatori ora guardano alla cannabis in modo più approfondito e, grazie a molte nuove ricerche, ha smesso da tempo di essere vista come un semplice intossicante. Vorremmo fare la nostra parte nella costruzione della conoscenza e speriamo di aumentare la consapevolezza della fermentazione insieme alla comprensione dell’interazione tra CBD e THC. Resta da vedere come si svilupperà il mercato in futuro.

Altre fonti:
https://www.theatlantic.com/technology/archive/2015/03/was-marijuana-really-less-potent-in-the-1960s/387010/
https://www.humboldtseeds.net/de/blog/ist-marihuana-heute-5-mal-staerker-als-in-den-80ern/
https://www.astm.org/DIGITAL_LIBRARY/JOURNALS/FORENSIC/PAGES/JFS11698J.htm